mercoledì 5 agosto 2015

Che la storia del clima ritorni dai climatologi alla cultura...

Condivido qui una pagina del bel libro di Wolfgang Behringer edito da Boringhieri, "Storia culturale del clima", che tratta del" tema (oggi) per eccellenza”, il Riscaldamento globale, inserendolo però nella storia, nelle vicende dei millenni passati, insomma nella “cultura” e sottraendolo così -per un attimo almeno- alle certezze dei climatologi. Il libro è tanto più importante perché da un po’ di tempo assistiamo ad una sorta di “negazionismo” del periodo caldo del Medioevo (e di conseguenza, anche della Piccola Età Glaciale dell’Età Moderna) per avvalorare indirettamente un unico Riscaldamento , l'odierno, attribuito dagli integralisti del Global Warming  solo e soltanto ad origini antropiche. 
Il libro di Behringer, molto articolato e di vasto respiro, ci riporta ai veri termini “culturali” della questione climatica, che non possono essere che critici,  con una vasta documentazione bibliografica e storica, e anche con un po’ di ironia (il che non guasta mai...). Di pagine illuminanti ce ne sono a bizzeffe, vi riporto questa: