giovedì 30 marzo 2017

“Da Marrakech alla Liguria per coltivare piante aromatiche

LA STAMPA

Italia

Omar el Mansour

“Da Marrakech alla Liguria

per coltivare piante aromatiche”

«Adesso ho appena finito di caricare le margherite piantate lo scorso agosto. Da febbraio a giugno per noi sono mesi di punta e corriamo come matti. Come butta quest’anno? Incrociando le dita le aromatiche, salvia, origano menta e altre ancora stano andando bene». Omar el Mansour è nato 36 anni fa a settanta chilometri da Marrakech e 17 anni fa è sbarcato in Liguria di fatto già con un contratto in tasca: «Mio cugino mi ha chiamato al suo fianco per lavorare in un’azienda di piante aromatiche e fiori di proprietà di un imprenditore italiano». 

Il signor el Mansour ha lavorato otto anni come dipendente migliorando le sue conoscenze agricole e specializzandosi. Poi otto anni fa ha deciso di mettersi in proprio e se si guarda indietro ammette: «Ci vuole coraggio a fare cose tue se non c’è mercato». E il mercato, cioè i clienti sono arrivati poco per volta «anche grazie al mio ex datore di lavoro italiano che, all’inizio, mi ha aiutato a conquistare la fiducia delle persone». Adesso el Mansour, che nel frattempo è diventato cittadino italiano, è fiero della «qualità della mia produzione. Mi sono fatto un nome». La sua azienda, che porta il suo cognome, vende la produzione a grossisti locali e «credo che l’80 per cento finisca sui mercati esteri».

[M.Tr.]

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Level Triple-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0           Copyright 2017 La Stampa           Bobby WorldWide Approved AAA